Sopravvivenza…

25597b724f31daf9175fa88fb896eed8.jpg

Sopravvivenza…
L’adattamento e l’evoluzione permettono di sopravvivere… permettono di andare avanti, di farcela… un pò come nella teoria della specie darwiniana… In una canzone Fiorella Mannoia canta: Come si cambia per non morire… come si cambia per ricominciare… … E’ vero, si cambia… si cerca di sopravvivere e delle volte ci sentiamo alieni da noi stessi… Non riconosciamo i nostri gesti, le nostre azioni, i nostri pensieri, le nostre reazioni e perfino la nostra voce, il tono della nostra voce…
Si cerca di sopravvivere… per non morire, per non lasciarsi andare… per continuare a sperare… a credere…
Ma ci domandiamo, come non farlo?, ci domandiamo come saremo stati se avessimo potuto essere quello che avremmo voluto…
E tornare indietro non si può… la Vita è una ruota che gira solo in avanti…
Si possono raccogliere i cocci del passato, del dolore, del male che gli altri ci hanno fatto…
Si può imparare dagli errori…
Si può solo andare avanti… o lasciarsi andare… Lasciarsi scorrere la Vita addosso… e sopravvivere…

Sopravvivenza…ultima modifica: 2007-12-08T21:55:00+01:00da beatrix1969
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Sopravvivenza…

  1. Domanda – la faccio a te perchè io, sinceramente, sono un pò indeciso sulla risposta : e se anche questo, ossia – come dici tu – non riconoscere sempre i nostri gesti, le nostre azioni, i nostri pensieri, reazioni o voci; dicevo, se anche questo facesse INTEGRALMENTE parte della vita, e fosse solo l’innato impulso a non fermarsi su ciò che si è, proseguendo nella ricerca del proprio personale essere?

    Oddio, che mal di testa…….

    Un sorriso.

    Tartaluca

  2. Ciao TartaLuca,
    certo ceh fa parte della Vita… fa parte del fatto che ad un certo punto di deve poter Sopravvivere… e così capita a volte di non riconoscersi… guardarsi allo specchio e vedere qualcuno che non siamo… che non siamo più… Ma vedere anche che potenzialmente potevamo essere qualcun altro che avremmo tanto voluto essere… perchè era dentro di noi quella Natura… ma noi non la abbiamo colta… Perchè?
    Per paura? mancanza di abbastanza coraggio? …
    Per eventi e cause “fuori di noi”?…
    A 40 anni, quasi, io mi domando:
    quanto ancora “devo” cercare? quanto ancora sentirmi “un siddharta” nel mondo? …. Quanto ancora cercare, come dici tu, il mio personale essere?…
    Non dovrei averlo trovato?
    Non dovrei avere avuto delle risposte?
    Non dovrei sapere che fare? e cosa volere dalla Vita?
    So quello che sono e so quello che non sono e che potevo essere…

I commenti sono chiusi.